Attività > Attività principali > La scuola Elimu Kwa Wote
 
LA SCUOLA "ELIMU KWA WOTE"




Dopo la salute e l'alimentazione, che toccano direttamente il diritto alla vita e alla sopravvivenza di tanti bambini in Congo, viene un terzo diritto altrettanto basilare: il diritto all'Istruzione.

Un diritto da tanti anni disatteso e calpestato in questo Paese !

Negli anni '90, l'allora Presidente Mobutu, l'aveva minato sopprimendo il salario agli insegnanti.
Per evitare il blocco  totale dell'insegnamento nazionale, i vescovi della Chiesa Cattolica proposero ai genitori di sostenere i maestri donando, come misura temporanea,un piccolo contributo pecuniariocce li motivasse a lavorare.

L'irresponsabilità mostrata dal Governo zairese nel continuare a non pagare il salario statale agli insegnanti ha trasformato il contributo spontaneo dei genitori in una vera e propria "tassa scolastica mensile" che i genitori erano obbligati a pagare se volevano mandare a scuola i loro bambini.

L'imposizione di questa "tassa scolastica" ha provocato un calo progressivo e impressionante della frequenza scolastica privando del diritto all'istruzione elementare più del 30% dei bambini congolesi i cui genitori poveri non erano in grado di pagare.

Questo iniquo fardello imposto ai genitori, in barba alla Carta dei Diritti Umani e alla stessa Costituzione congolese, è rimasto tenacemente in vigore...

A niente sono valse le manifestazioni promosse dagli insegnanti, alunni e genitori nel 2005 per indurre l'allora Governo di Transizione ad abolire la tassa scolastica e a pagare un salario ai maestri.


In seguito a questa grande delusione e per dare un segno di solidarietà a tante famiglie povere i cui bambini rischiavano di essere recuperati dai vari gruppi armati come "bambini soldati oppure di diventare "bambini e bambine di strada", nell'ottobre del 2005 ho dato inizio alla Scuola di recupero "ELIMU KWA WOTE" (=Istruzione per tutti).

Questa scuola "speciale" che accoglie ogni anno in media 250 bambini e bambine dai 9 ai 13 anni che non sono mai andati a scuola a causa della povertà dei loro genitori, offre loro la possibilità di un recupero scolastico accelerato che in tre anni li porta allo stesso livello di istruzione di base dei loro coetanei.

Nonostante le elezioni del 2006 seguite dall'instaurazione di un Governo democraticamente eletto, e nonostante la coraggiosa azione dei sindacati degli insegnanti concretizzata nel lungo sciopero indetto all'inizio di questo anno scolastico 2007-2008, la famigerata "tassa scolastica", continua a restare in vigore con immensa delusione di tutta la popolazione.